Hai un ragione personale?

 

Sì! Non è che ho bisogno di un motivo per augurare a tutti più pace. Ma c'è davvero una motivazione molto personale per cui desidero tanto che proviamo insieme l'esperimento della pace.

 

Mia madre è nata il 22 gennaio 1939 e il 01 settembre 1939 è iniziata la seconda guerra mondiale. Vedo quotidianamente cosa significa quando una bambina o un bambino è stato esposto agli orrori della guerra e non riesce a venirne a capo nemmeno in età avanzata. La guerra - la smorfia più brutta di cui siamo capaci di farlo ...

 

Mia madre soffre di un'infinità di disturbi da stress post-traumatico che a malapena sa come gestire alcuni giorni. Aveva 5 anni quando visto e sopravvisse all'attacco su larga scala a Bochum. Le sirene, il ronzio degli aerei, la grandine delle bombe, le urla, i corpi immobili, il bunker puzzolente, i colpi diretti, senzatetto in un attimo, i volti familiari ... perso per sempre ...

 

Quando vede le immagini in TV dei bambini nelle zone di guerra, piange amaramente ed è inconsolabile. Mi chiedo sempre allora come faremo a curare il disturbi post-traumatici da stress? Come questo? Distruggendo continuamente l'anima di bambini così piccoli e vulnerabili? Perché abbiamo un cuore così freddo? Perché permettiamo che questo accada? Non meritano TUTTI i bambini di questo mondo la nostra MASSIMA protezione?

 

Poi nei suoi sogni più oscuri li rivede, gli uomini con i lunghi cappotti neri. Sente i loro passi, le loro voci forti. Sono senza volto, senza carattere!

 

Un soggiorno in ospedale in tempo di guerra diventa un calvario. Le cicatrici mentali che ha non sono visibili, ma quelle dietro le orecchie ci sono ...

 

Mentre durante la guerra le bombe e la paura della morte facevano parte della sua infanzia, dopo la guerra fu: fame, fame, ancora e ancora! E nessuna idea di cosa significhi essere un prigioniero di guerra, ma un padre di cui si sente la mancanza ogni giorno e la cui assenza rode il cuore per anni!

 

Ma questo è molto di più!

 

Ad un certo punto, la fame poté essere soddisfatta di nuovo e anche suo padre tornò dalla prigionia quando lei aveva 9 anni. Frittata e gioia erano tornati, ma la pace ... (un proverbio tedesco si dice: Friede, Freude, Eierkuchen)

 

Nell'aprile del 1933, uno dei fratelli di sua madre fu testimone del brutale assassinio di un commerciante di fede ebraica. L'assassinio di compagni ebrei è iniziato molto prima dell'inizio della guerra! Il fratello di sua madre aveva 23 anni all'epoca e sua madre 17.

 

Anche Sophie Scholl fu inizialmente attratta dai nazionalsocialisti. Il fratello di sua madre non era diverso, fino al giorno in cui visto alla vile e brutale esecuzione. Gli anni che seguirono per lui furono un caos di emozioni tra il non essere notato in qualche modo, l'orrore, la paura di finire come il mercante e la sensazione che quello che era successo non doveva essere lasciato non detto.

 

Nel 1948, quando gli alleati fecero i conti con molti dei crimini che avevano avuto luogo durante e prima della guerra, egli contribuì alla condanna degli assassini con la sua testimonianza. Ritratta per paura di una punizione da parte dell'accusato, ma alla fine rimane fermo e riconferma la sua testimonianza originale. Solo che il "viscoso brodo marrone" all'interno della società era molto più presente molto tempo dopo la fine della guerra di quanto si voglia ammettere.

 

Mia madre - una bambina nata 6 anni dopo il brutale assassinio del mercante e che difficilmente non capisce il mondo per 9 anni - vive poi un'esclusione che per lei è inclassificabile!

 

Tutti nel quartiere conoscono il nome da nubile di sua madre. Improvvisamente è una parolaccia! Agli occhi di molti, il fratello di sua madre non ha fatto la cosa giusta. Non si "tradisce" il proprio compagno. Nemmeno quando picchia brutalmente a morte una persona indifesa senza motivo...

 

Per lo più gli altri non vogliono giocare con lei e le dicono anche che si sono dimenticati di uccidere lei con il gas... tutto perché suo zio ha avuto il coraggio di seguire la sua coscienza ...

 

Un inizio di vita segnato da odio, oppressione, aggressione, distruzione, violenza - fisica e psicologica!

 

In questi giorni le passano per la testa i versi di Goethe: "E se non sei disposto, userò la forza!" Lei non ha paura del virus, però ha paura della vaccinazione. Ha paura dell'aggressione. Paura di ciò che accadrà se uno si rifiuta. Trova disgustoso che gli oppositori della vaccinazione indossino stelle ebraiche! Ricorda molto chiaramente i bambini del suo quartiere che "improvvisamente" non c'erano più! Molto chiaramente! Può ancora vedere le loro facce!

 

Per lei, una pandemia non ha niente a che vedere con una guerra, indipendentemente da come la si valuta. Tutti i paragoni che vi si fanno, l'uso del vocabolario di guerra, sia da una parte che dall'altra, cadono a terra per lei. Ma una sensazione dei giorni della sua infanzia è tornata, la sensazione di impotenza, di essere in balia degli altri, la sensazione che tutto potrebbe sfuggirle di mano...

 

In nessun caso vuole essere vaccinata. In generale, non vuole più vedere i medici. Anche se a volte mi preoccupo per lei e le chiedo se non dovremmo andare dal medico. Semplicemente non vuole!

 

Cosa faresti se fosse tua madre? Posso solo immaginare le cicatrici sulla sua anima, quelle dietro le orecchie vedo ogni volta che le lavo i suoi capelli ...

 

Possiamo dare la colpa a lei per la sua paura? Abbiamo il permesso di dare la colpa a lei per la sua paura?

 

Se ci sembra strano dire a una persona con paraplegia: non dovrebbe fare tante storie, buttare via la sedia a rotelle e camminare e basta... Non sembrerebbe anche strano dire a una persona con una restrizione psichica di non fare tante storie?

 

Si può davvero determinare se una persona è solidale o meno sulla base di una sola decisione?

 

Capisco ogni persona che si vaccina e capisco ogni persona che non si vaccina. Se ascolti l'altra persona perché vuoi davvero sapere cosa la muove, indipendentemente da come la pensi, scoprirai il essere umano nell'altra persona. Le motivazioni si aprono e diventano comprensibili.

 

Mai nella mia vita ho incontrato una persona che non fosse vulnerabile e fragile! Davvero mai, e ho incontrato un sacco di gente! Anche con l'assassino più figo e strafottente, potevo vedere la pipì nei suoi occhi! 8 miliardi di persone - 8 miliardi di destini - 8 miliardi di piccole anime sofferenti!

 

Ogni volta che facciamo una regola generale per tutti, dobbiamo essere consapevoli che stiamo anche aprendo la porta alla disumanità. La regola implica il controllo, che comporta la punizione per il non rispetto. Una regola, anche se è dovuta a un obiettivo apparentemente umano, non tiene conto dell'individuo. E così la disumanità può sorgere anche se l'umanità era effettivamente in mente.

 

Spesso si sottovaluta che dietro le peggiori e più feroci battaglie verbali si nascondono grandi ferite, soprattutto psicologiche. Quando si incontrano due persone che hanno perso la loro resilienza o che non l'hanno mai o non ancora sviluppata, spesso entrano in un vortice di escalation. L'abuso verbale aumenta continuamente e può arrivare al punto in cui la violenza fisica serve da sfogo.

 

Con la paura e la preoccupazione che ci alitano sul collo, è facile per noi concentrare i nostri argomenti sul tentativo di convincere l'altra persona. Il desiderio incondizionato di avere ragione è spesso dovuto alla sensazione di riconquistare sicurezza e controllo - da entrambe le parti. Ci vuole un alto grado di empatia quando si è attaccati personalmente per non vedere l'attacco a se stessi ma il dolore dell'altra persona. Se non si contrasta un insulto con un insulto, ma si risponde al dolore dell'altra persona, è molto probabile che la tensione aggressiva si scarichi immediatamente. In una discussione, TUTTE le parti hanno un dolore con cui stanno lottando.

 

È "programmato" nei nostri geni per essere il più efficiente possibile dal punto di vista energetico con il nostro corpo. Questo ha ispirato le nostre menti a tutte le idee che conosciamo oggi. Nelle nazioni altamente tecnologiche, non c'è quasi nessun lavoro fisico pesante da fare. Tuttavia, questo desiderio "programmato" di comodità non è solo la nostra rovina quando trattiamo con il nostro pianeta, ma anche quando trattiamo tra di noi.

 

Nei conflitti, spesso si scelgono i modi "comodi", per esempio non affrontare il conflitto o andare in modalità combattimento. Questo non avviene nemmeno necessariamente in modo cosciente. Entrambi i modi sono inefficaci, tuttavia; se non si affronta un conflitto, questo non se ne va, ma si sviluppa semplicemente in un fuoco che brucia e alla fine distrugge tutto comunque - solo più lentamente. Se si va in modalità battaglia, ci deve essere un perdente, ma come regola anche il vincitore di solito rimane un perdente. Questi modi sono comodi solo a prima vista!

 

Anche se non ci piace lo scomodo da un punto di vista genetico, manteniamo i percorsi di soluzione che sono scomodi a un secondo sguardo. Se si guarda il tutto dall'esterno con una certa distanza, è davvero incredibile quanta energia siamo disposti a spendere per convincerci a vicenda. Da entrambe le parti, ogni mezzo sembra essere giustificato. Tra l'altro, vengono fatte circolare bugie da entrambe le parti. La cifra di quante persone sono state salvate dall'isolamento è stata completamente inventata. Allo stesso modo, era semplicemente falso che così tante persone morirono nell'influenza spagnola a causa della vaccinazione. A quel tempo, non c'erano vaccinazioni contro l'influenza. Ciò che è interessante per noi riguardo all'influenza spagnola, tuttavia, è che il virus si era "stabilizzarsi" dopo tre ondate e aveva perso il suo terrore.

 

Se possiamo spostare la nostra attenzione dalla persuasione ossessiva a vedere tutti gli altri - che ci piacciano o no! - come un arricchimento e sono curiosi di sapere cosa l'altra persona può contribuire all'argomento, allora spaccheremo ogni crisi! Certo, mi rendo conto che questa è la parte più difficile, vedere tutti gli altri come un arricchimento. In altre parole, sentire davvero così. Soprattutto quando l'altra persona non ti piace e dice cose che non corrispondono alle spiegazioni che abbiamo trovato per noi stessi.

 

Per quanto possa essere difficile, credo che potremmo davvero farlo! Se guardate la coesione negli attuali disastri dell'inondazione e dell'incendio, possiamo sentire la grande volontà di aiutarci a vicenda!

 

Il fatto è che la guerra non è iniziata nel 1939, non nel 1933, è iniziata molto prima del 1933 e non solo: il potenziale di guerra è sempre lì... MA anche per la pace!

 

La pace affronta sempre delle sfide quando due persone condividono la stessa paura ma hanno opinioni diverse su come risolverla. La paura non ci permette di essere noi stessi, ci paralizza, ci trasforma in persone che affogano! Se due persone che annegano si incontrano, non possono salvarsi a vicenda. A meno che non si siano messi d'accordo in anticipo che faranno a turno per nuotare e tirarsi a vicenda fino a raggiungere di nuovo la riva insieme. Tuttavia, se dovete richiamarlo in una situazione acuta, è possibile solo se lo avete praticato PRIMA.

 

Non si impara a suonare la chitarra comprandone una. Bisogna esercitarsi, bisogna suonare. Ciò che pratichiamo, il nostro cervello alla fine mette il pilota automatico. Non sempre ne siamo consapevoli perché diamo troppe cose per scontate. Ma il nostro cervello è una piccola macchina miracolosa! All'inizio, di solito ci concentriamo prima sulla tecnica, indipendentemente dal fatto che stiamo praticando le diteggiature della chitarra o come azionare la frizione, l'acceleratore e il freno in un'auto. Ad un certo punto, il cervello prende il controllo della tecnica e ci restituisce così una parte della nostra capacità di concentrazione. Improvvisamente, molto di più è possibile.

 

Quando si è padroneggiata la tecnica, si può anche insegnare a far suonare o sentire una melodia. Quest'ultimo richiede un certo coraggio nella nostra società. Uno dei migliori chitarristi del mondo aveva questo coraggio: Jimi Hendrix! Non suonava la chitarra, la sentiva, sentiva il suono della chitarra, il SUO suono. Chiunque lo abbia mai ascoltato capisce immediatamente la differenza tra suonare e sentire la chitarra! Molti vogliono poter giocare come lui. La via più breve è copiarlo, la via più efficace è sentire il proprio suono.

 

Ognuno di noi ha il proprio suono individuale. Conoscerlo, rispettare il suono dell'altro e riuscire comunque a suonare all'unisono potrebbe essere una sfida gratificante.

 

Quello che non abbiamo mai fatto finora come collettivo è praticare una tecnica di pace. Finora, come collettivo, non ci siamo nemmeno occupati del fatto che esista una tecnica e, se sì, quale sarebbe la più comoda ;). Ho avuto a che fare con diverse discipline tangenti a questo argomento da più parti per molto tempo. Credo che abbiamo dimenticato che esiste un modo molto semplice!

 

Anche da piccola, ogni tanto pensavo a cosa sarebbe successo se l'umanità si fosse fermata per un momento. Ma ho sempre sentito le nostre lingue diverse come una separazione e poi non sapevo come colmare questa separazione. Quando ho saputo che i delfini possono riconoscere che una donna è incinta molto prima che lei stessa se ne renda conto, mi è stato chiaro che questo è ciò che rimane quando si toglie tutto ciò che ci separa: Il battito del cuore! I delfini hanno un udito molto migliore del nostro, possono già sentire il battito cardiaco del bambino, che è ancora nascosto da noi. Il battito cardiaco è il linguaggio che ogni mammifero capisce. Così anche gli umani, se solo possono sentirlo abbastanza forte.

 

Il mio complice di pace ;) Gertrud mi ha ricordato: già Antoine de Saint-Exupéry diceva: "Se vogliamo riconoscere l'essenziale, dobbiamo dimenticare per un momento tutte le separazioni!"

 

Cosa succederà se lasciamo la bocca in silenzio per 10 minuti e sentiamo la pace solo attraverso il nostro cuore mentre ascoltiamo un battito cardiaco imitato ad occhi chiusi? Cosa succederà se lo faccio solo per me, lo so! Ma come sarà quando 10 mille o più persone lo faranno insieme? ...

 

Mentre il giornale britannico The Sun non si chiede più se ci sarà una terza guerra mondiale, ma solo quando e dove inizierà, io mi chiedo quando e dove inizierà la prima pace mondiale! Questo dicembre 2021 mostrerà se anno prossimo ci può essere una piccola sorpresa!

 

Sono nato nel 1970 e quindi sono cresciuto negli anni 80, mi piaceva il detto: "Immagina che sia guerra e che non ci vada nessuno!". E amo ancora quel detto! Immaginate che qualcuno da qualche parte voglia iniziare la terza guerra mondiale, ma noi tutti non ci andiamo!

 

La storia della vita di mia madre è la mia motivazione molto personale per l'esperimento di pace, oltre al fatto che desidero semplicemente dal profondo del mio cuore che ogni bambino non debba sperimentare la sofferenza per mano degli umani. Soffrire senza l'intervento di mani umane è sufficiente!

 

Quando mia madre si fa prendere dai suoi pensieri e sogni oscuri, niente è troppo sciocco per me per tirarla fuori da lì. Poi faccio un "falò" al caminetto con il pane a bastoncino, grigliando marshmallows con lei sulla fiamma di una lumino da tè o celebrando un Alice-in-Wonderland-non-compleanno con lei!

 

O cercare di ispirare la gente a provare qualcosa di folle come un esperimento di pace! Come funziona la guerra, sappiamo già ...

 

Tanti saluti

 

Bettina